Viaggio sonoro nell’invisibile | Stagione 2024. XIII edizione

Fotografia d’autore

“Il vedere viene prima delle parole. Il bambino guarda e riconosce prima di essere in grado di parlare.”
Un elogio di John Berger alle immagini, suo oggetto di indagine per la vita.
La fotografia come tutte le arti illumina zone oscure e ci offre una lente di lettura della realtà. Spesso le arti entrano in dialogo per vincere la sfida impossibile di capire il mondo, le sue leggi segrete, la sua forza e la sua bellezza. Per Palazzo Marino in Musica abbiamo deciso di scrivere noi le parole di quell’immaginario tra musica e fotografia. Un’arte antica e una moderna insieme, con cui giocheremo d’azzardo affiancando gli scatti di grandi fotografi contemporanei alle composizioni in programma. Diverse poetiche a confronto, così ogni appuntamento avrà una sua immagine evocativa di riferimento trasformandosi di fatto in opere fotografiche d’autore a tiratura limitata.
Maria Sabina Berra

Scudi Cosmici, fotografie di Natale Zoppis

 

Domenica 5 maggio | Symphonialis est anima |Resonare Vocal Ensemble

Shrouded Sculpture #2 (Eve listening to the voice
by Edward Hodges Bailey), 2021. ©Simon Roberts

Una statua classica del Victoria and Albert Museum di Londra avvolta in un grande cellophane nello scatto di Simon Roberts può attraversare i secoli e far ricordare per astrazione la figura della monaca mistica Hildegard von Bingen e il suo genio “imprigionato” perché era una donna. Una figura femminile nascosta dalle pieghe della plastica protetta nella bellezza e nell’eleganza del pensiero e della creazione come è stata lei nel Medioevo: medico, musicista, compositrice, cosmologa, teologa, santa.
L’accostamento tra questa figura epica e il lavoro fotografico Beneath the Pilgrim Moon del fotografo inglese non è puro azzardo.
Cosa li unisce?
La precisione cristallina usata per indagare la corposa profondità degli abissi del suono di Hildegard e la nitidezza dell’immagine fuori dal tempo, ma così viva per le infinite sfumature e i bagliori di luce improvvisi che la illuminano.
Ma quale è lo sguardo che si cela dietro lo scatto?
Simon Roberts è un amante appassionato dell’infinita variazione della luce e delle forme.
Questa immagine è una sfida nel gestire la luce in relazione al continuo sovrapporsi di volumi, una esplosione di forme tridimensionali con le rugosità e la superficie di nuovo liscia. Un artista della visione, che usa un richiamo a quel che non si vede.
Beneath the Pilgrim Moon è una raccolta di fotografie scattate durante il secondo blocco del Covid-19, mentre il Victoria and Albert Museum era chiuso al pubblico.
Queste statue velate, nelle Dorothy e Michael Hintze Galleries del museo di Londra sono state coperte per la loro protezione durante la ristrutturazione e Roberts le concepisce come una metafora della nostra più ampia esperienza della pandemia.
Ma eleganti e malinconiche, le statue sembrano assorbite in una contemplazione senza tempo, intrappolate nel loro universo minerale e quindi sono amiche dello stato d’animo di Hildegard von Bingen.

 

 

Domenica 9 giugno | Il bosco incantato | Allievi del Conservatorio G. Verdi di Milano

Milano Design Week, Freitag. Parte delle serie
L. A.Y.L. A. (Looking at you looking at…), 2019.
© Matteo Cirenei

Immaginare i suoni è un esercizio meraviglioso, una sorta di viaggio nell’invisibile che ci conduce in universi mai pensati e ogni volta diversi. Accensioni emotive, spegnimenti della ragione.
A volte zampilli del cuore. Una pratica svolta non ad occhi chiusi però, in cui mi sono cimentata anche nello scegliere una fotografia per ogni concerto. Che vuole essere solo una traccia e, per chi ama fare questo gioco, un punto di partenza. Ecco allora che l’intreccio dei fili colorati che invadono lo scatto di Matteo Cirenei, fotografo di architetture, provano a interpretare le linee melodiche che sono alla base dei Lieder. D’altra parte, sono anche un bosco fitto come quelli evocati dai testi di queste composizioni:
c’è anche una figura sullo sfondo, una donna, a cercare una strada e una traccia per incamminarsi. Giusta interprete del sentimento di struggimento e nostalgia che pervade queste musiche.
Chi è lei?
“Inizialmente la gente mi infastidiva, la vedevo come un ostacolo alla realizzazione della mia fotografia. Col tempo ho imparato a osservare le persone, a domandarmi che cosa stesse catturando la loro attenzione. Ogni persona ha una propria visione, e il desiderio di portarsi via un pezzo del mondo. Ho così cominciato ad apprezzare la gente che entrava inconsapevolmente nelle mie fotografie, lasciando una traccia della loro vita…”, chiosa Matteo Cirenei.